Ristorante a km zero

Direttamente dall’orto alla tavola

Per chilometro zero si intende la ricerca e il consumo di alimenti il cui luogo di produzione e lavorazione sia il più vicino possibile al luogo di consumo finale.

Il nostro agriturismo ha adottato questa filosofia da sempre!

Ciò che produce la nostra regione, territorio simbolo della enogastronomia italiana, diventa la base del nostro menù. Nel pieno rispetto della stagionalità degli alimenti vi garantiamo la freschezza e la tracciabilità dei nostri ingredienti. Ci impegniamo inoltre a promuovere le materie prime che raccontano il territorio a noi circostante senza tralasciare alcune delle eccellenze d’Italia che per bontà, genuinità e sostenibilità, meritano di essere conosciute ed apprezzate. Qui gran parte di quello che troverete nel piatto viene coltivato nei sei ettari di terreno intorno al ristorante ed elaborato in maniera sapiente ma semplice dallo chef.

La colazione e la cena vengono servite nel ristorante della Fattoria: un posto davvero speciale e dotato di un fascino che si potrebbe definire rustico-chic. Il ristorante si sviluppa infatti su diversi livelli coperti da un struttura in legno che ricorda una grande serra. La facciata frontale è completamente aperta verso il mare e il panorama delle isole dei Galli.

All’interno  le composizioni di fiori freschi e secchi, ortaggi e le grandi piante contribuiscono a creare l’impressione di trovarsi in un giardino delle fiabe.

Un giardino dove anche i sapori hanno un che di fatato: l’uso di materie prime “coltivate in casa” e la cucina tradizionale ma con una nota creativa hanno portato il ristorante della Fattoria Terranova ad essere citato sulle guide Le Routard, LonelyPlanet, Slow Food, Gambero Rosso, la Gola in Tavola.

Ma è al momento della cena che la gola raggiunge il massimo del piacere.

Si parte con un ricco antipasto misto, circa 8-9 assaggi sfiziosi creati dalla fantasia dello chef utilizzando prevalentemente le verdure di stagione.

Si passa poi ai primi, e qua siamo a Napoli, non può essere che il trionfo della pasta. Il piatto simbolo della fattoria Terranova sono i tubettoni alla cipolla bianca, ricetta che con la sua delicatezza immancabilmente delizia anche chi alla parola “cipolla” storce il naso.

Si prosegue poi con i secondi “antichi” della tradizione napoletana come il baccalà e totani e patate.

Come contorno, se è la stagione adatta, potrete avere la fortuna di assaggiare la scarola torchese, una varietà di verdura estremamente rara.

Per accompagnare il pasto si può scegliere una bottiglia dalla carta dei vini che racchiude esclusivamente etichette campane oppure provare il vino della casa, un Aglianico e una Falanghina vinificati direttamente in fattoria.

Per chiudere in bellezza niente di meglio poi che un dolce della tradizione napoletana come il babà o la pastiera da accompagnare con un buon liquore di fine pasto.

E in questo caso la scelta è davvero infinita: limoncello, finocchietto, fragolino, nocillo, liquirizia… tutti ovviamente fatti in casa.